L’inchiesta Calcioscommesse si allarga

La procura di Cremona ha analizzato più di 200 tra pc, tablet e smartphone alla ricerca di diciannove parole chiave che potrebbero dare una svolta nelle indagini. La ricerca arriva fino al 2007 e vede nell’occhio del ciclone anche il Sassuolo. Un centinaio sono gli indagati secondo la procura della repubblica di Cremona che intravede partite vendute con il vortice di Singapore.

La maggior parte dei risultati è saltata fuori durante l’incidente probatorio disposto dal gip Guido Salvini su richiesta del procuratore Roberto di Martino. Dagli accertamenti è emerso che nel pc di 27 indagati è stata trovata la parola ricercata. Altri dettagli sono da tener conto, ad esempio Stefano Mauri non ha fornito il pin del cell quindi non si è potuto esplorare il sistema. Stessa cosa per Ivan Tishi e Mauro Bressan considerato il braccio destro del capo degli zingari.

Le indagini sui dispositivi di Massimo Erodiani, allibratore del Pescara e di Mario Bruni ex commercialista di Beppe Signori, sono emerse info riferite a partite vecchie e nuove. Addirittura sul pc di Bruni sono emerse informazioni riguardanti un giro enorme di denaro. La copia delle analisi fatte sul pc di Antonio Conte sono risultati illeggibili. Le conversazioni di Luca Berni ex manager che lavorava in Cina da vent’anni, erano scritte in una lingua sconosciuta perfino al traduttore di Google.

Le perizie devono essere completate, il tutto sarà illustrato nella perizia del 29 ottobre. Le parole chiave ricercate nei dispositivi dal tribunale di Cremona da parte di Roberto di Martino sono diciannove: abbraccio, assegni, beppe, bolognesi, cambiale, cervia, civ, garanzia, gol-gol, handicap, makelele, over, ovetto, pareggio, under, uovo grande, uovo piccolo, vittoria, zingari-zingaro. Nelle richieste da parte del pm si pregava di cercare negli apparecchi informatici “che potrebbero contenere elementi di grande rilievo per le indagini, in particolare documentanti rapporti tra gli indagati diretti a concludere accordi per la manipolazione delle partite di calcio o finalizzati a movimentare le somme destinate alla corruzione o costituenti il risultato delle vincite delle scommesse“.